• IT
  • DE
  • EN
Vai ai contenuti

Google My Business: come e perché

WebSite Blog
Pubblicato da in Web marketing ·
Google My Business è un servizio offerto gratuitamente da Google che ti permette di costruire una vetrina digitale per il tuo business, in modo da farti trovare più facilmente nei risultati di ricerca.
Come funziona questo servizio, quali sono gli accorgimenti da adottare e come può aiutarti a migliorare il tuo business online? Ne parliamo in questo articolo.

Google My Business: perché dovresti averlo

Anche se hai già un sito, Google My Business può completare il tuo posizionamento online poiché garantisce alla tua attività un'identità pubblica e la presenza su Google con un profilo dedicato. A cosa serve, in sostanza, avere un profilo su Google My Business? Ad avere un posizionamento professionale e verificato dal motore di ricerca più popolare al mondo. Questo può aumentare la tua visibilità organica e può portarti più facilmente a trovare nuovi clienti. Un buon posizionamento organico nel motore di ricerca è infatti un ottimo metodo per ampliare il proprio pubblico e raggiungere una maggior quantità di potenziali clienti. Le informazioni che fornisci sulla tua attività possono essere visualizzate non solo nella ricerca organica di Google, ma anche su Google Maps.
Infine, aprendo un profilo su Google My Business potrai accedere a servizi promozionali aggiuntivi, come Google Ads (lo strumento di Google per predisporre delle campagne di sponsorizzazione a pagamento).

Come aprire un profilo Google My Business

Per registrarti su Google My Business e attivare l’account è sufficiente andare su business.google.com e cliccare su “Inizia ora”.
I passaggi per la creazione del profilo sono davvero semplici e intuitivi: ti verrà richiesto di inserire il nome della tua azienda e i dati importanti come il settore di riferimento e le eventuali sedi.
E se non sei un’azienda, ma un professionista privato? Niente paura: Google My Business è per tutti. Puoi registrare la tua attività anche se sei un libero professionista e avere così l’opportunità di apparire in modo professionale su Google.
Se lo desideri, inoltre, Google My Business ti consente di creare un semplice sito web, popolato da tutte le informazioni che andrai ad inserire sul portale.
Con questo strumento potrai completare il tuo profilo professionale!
Una volta conclusa la procedura di registrazione, Google My Business ti informa che devi verificare la tua attività: nell’arco di 12 giorni arriverà via posta - all’indirizzo da te selezionato - una cartolina necessaria alla verifica del tuo business. Una volta completato questo passaggio avrai tutte le carte in tavola per apparire al meglio sul motore di ricerca!

Ora che hai Google My Business, come usarlo al meglio?

Una volta aperto il profilo, la dashboard ti presenterà una serie di sezioni che meritano un approfondimento:

Post

All’interno di questa sezione potrai tenere aggiornati i tuoi follower condividendo informazioni utili, offerte, novità, prodotti e tutti gli aggiornamenti che desideri.

Statistiche

Da questa sezione potrai accedere alle informazioni necessarie per espandere la tua base clienti. I dati e le analisi qui proposte ti permetteranno di scoprire quante persone cercano la tua attività e in che modo vi interagiscono. Inoltre, potrai confrontare la tua attività con altre e monitorare la concorrenza.

Recensioni

Ormai è noto: le recensioni sono uno dei fattori di ranking utilizzato da Google (che vale circa il 10% del totale) per determinare dove posizionare la tua attività nei risultati di ricerca.
Secondo le statistiche, l’88% dei consumatori si fida delle recensioni online e delle raccomandazioni personali.
Perciò, più recensioni hai migliore è l'idea che i nuovi clienti potranno avere nei tuoi confronti.

Foto

A seconda del tipo di attività che possiedi, questa sezione potrebbe essere più o meno importante. Indipendentemente dal tuo business, però, dovresti aggiungere almeno un paio di foto che permettano di identificare il tuo settore, la tua azienda o i servizi che offri. Google My Business ha già incluse alcune categorie per aiutarti a organizzare il materiale: video, interni, esterni, team e così via. Sfrutta queste etichette per posizionare al meglio le tue immagini.

Google My Business per la local SEO

La Search Engine Optimization a livello locale ha in parte a che fare con Google My Business: un primo passo fondamentale, infatti, consiste nell’avere un account verificato per la tua attività. Questo per un semplice motivo: quando qualcuno cerca la tua attività su Google, le informazioni utilizzate nella configurazione del tuo profilo Google My Business (numero di telefono, indirizzo, recensioni e così via) vengono estratte dal profilo stesso e inseriti nei risultati di ricerca. Per un approfondimento sul tema della SEO, puoi leggere l’articolo “Alla scoperta della SEO”.

Ma come ottimizzare la business page per la local SEO?
  • Nome dell'attività: deve essere reale e coerente con il tuo business;
  • Informazioni di contatto: i dati devo trovare corrispondenza con quelli del tuo sito o dei tuoi canali social. La coerenza è un fattore di ranking: più le tue informazioni sono coordinate e uniformi, più Google ti conferirà "authority".
  • Categorie: all'interno di Google My Business puoi creare le categorie di prodotti/servizi che offri. Abbi cura di inserire tutte le informazioni necessarie a rendere chiara questa sezione: servirà non solo agli utenti per visionare la tua offerta, ma anche a Google per analizzare la pertinenza del tuo business con le ricerche degli utenti;
  • Immagini: usane almeno 4 o 5 di buona qualità. Devono rappresentare i tuoi prodotti o servizi, perciò devono essere originali e reali. In questo modo verranno utilizzate anche all'interno di Google Maps;
  • Recensioni: sono molto apprezzate non solo dagli utenti ma anche dal motore di ricerca. Le pagine che presentano le recensioni vengono posizionate più in alto rispetto a quelle che ne sono sprovviste.

Meglio Google My Business o Facebook?

I social network in generale sono un alleato prezioso per una buona strategia di marketing, ma non ti portano in alto nei risultati di ricerca in quanto non sono rilevanti per la SEO. Google My Business invece sì: come abbiamo appena visto, ti permette di scalare il ranking e di farti trovare più facilmente fra i primi risultati della Search Engine Results Page.
Facebook e in generale i social network ti permettono di migliorare la tua presenza digitale, innescando un processo comunicativo che a seconda del mezzo di riferimento può essere fatto di immagini (pensiamo a Instagram) o più testuale (gli articoli su LinkedIn, ad esempio). Il lato positivo di questa presenza è senz'altro un fattore positivo per il tuo business, ma purtroppo non contribuisce a salire in alto nei risultati di ricerca.

Google My Business, invece, per le ragioni che abbiamo elencato fino ad ora è in grado di posizionare meglio la tua attività anche dal punto di vista della SEO.
Quindi, alla domanda se sia meglio avere Google My Business o dei profili social, la riposta è “meglio avere entrambi”.

Ora che conosci tutti gli aspetti di Google My Business, non ti resta che aprire questo profilo e ottimizzarlo per apparire al meglio nel posizionamento online!
La tua attività commerciale o da libero professionista non potrà che beneficiare di questo strumento gratuito.


Torna ai contenuti