• Italiano
  • Deutsch
  • English
  • Français
  • Español
  • Português BR
  • Polski
  • Русский
Vai ai contenuti
Pillar

Come pubblicare e vendere musica su iTunes e dal tuo sito: la guida aggiornata 2017

“Non si tratta solamente di avere la passione della musica; la musica per me va oltre. È il mio modo di essere”: l’ha detto Armin van Buuren ma potresti averlo detto tu.

Suoni da un po’ e ora stai pensando di fare sul serio: vuoi vendere la tua musica. Online. A convincerti bastano le cifre: il 45% dei ricavi viene dal digitale e i guadagni del solo streaming sono schizzati del +45,2% dall’anno precedente.

A questo punto ti starai domandando come fare.

Sicuramente – e lo sai anche tu – il punto di partenza è iniziare a vendere musica su iTunes Italia, o meglio, vendere musica su iTunes e basta, non solo in Italia ma in tutto il mondo. Così potrai dire ai tuoi amici: “Sapete che riesco a pubblicare canzoni su iTunes Store?”.
Ma c’è una cosa in più che dovresti fare per avere maggiore visibilità e guadagnare di più: creare un sito e-commerce dove vendere la tua musica senza dipendere da nessuno. Con questa strategia puoi sfruttare la popolarità di iTunes per farti scoprire e creare un negozio online che sia tuo e soltanto tuo e che mostri esattamente chi sei e cos’è la musica per te.

Nella testa hai in mente like, condivisioni, visualizzazioni e download: perché la musica è come l’acqua, se sta ferma muore.

Ora devi agire. Leggi la nostra guida e sarai pronto a conquistare tutti i palchi digitali!

Come vendere le tue canzoni su iTunes


Per caricare la tua musica hai una doppia scelta:

  • Caricare le canzoni direttamente su iTunes

  • Caricarle attraverso un aggregatore

Caricare le canzoni direttamente su iTunes


In questo caso caso si tratta di vendere musica senza intermediari. Il vantaggio principale è che tutti gli introiti rimangono a te.

C’è da dire subito che vendere canzoni sull'iTunes Store non è una procedura semplice: ci sono numerosi requisiti e passaggi da rispettare.

Per accedere alla pagina dei Requisiti, è necessario iscriversi ad iTunes Connect
Come funziona e quali condizioni devi rispettare.

  • Innanzitutto, i requisiti tecnici. Devi produrre il tuo audio su Mac, con una versione recente di OS X (OS X 10.5 o successive) e almeno 512 MB di RAM e 20 GB di spazio sul disco. Se hai Windows, non ti preoccupare: puoi utilizzare un aggregatore per preparare le tue tracce audio per la distribuzione o trovare chi lo fa per te a poco prezzo su Fiverr.

  • Secondo passaggio, devi disporre di un ID Apple.

  • Terzo passaggio, è necessario un TIN (Tax Identification Number), il codice di identificazione fiscale obbligatorio per poter vendere in America. La procedura per richiederlo è disponibile anche online tramite il sito dell'IRS. Se hai partita Iva, devi richiedere un codice EIN e compilare il form SS-4. In alternativa, devi richiedere un codice ITIN: il form da compilare in questo caso è il W-7.

  • Quarto passaggio, devi ottenere un codice UPC per ogni CD e un codice ISRC per ogni brano che vuoi distribuire. UPC significa Universal Product Code: è il codice a barre presente sui CD e puoi farne richiesta a diversi enti come GS1. ISRC (International Standard Recording Code) è il codice che identifica ogni brano musicale - e serve a Nielsen SoundScan per calcolare le classifiche di Billboard. Puoi richiederlo direttamente alla FIMI.

  • Ultimo passaggio, devi registrarti su iTunes Connect come iTunes Content Provider.

Qui le strade si dividono: perché per poter diventare un iTunes Content Provider devi avere almeno 20 album nel tuo catalogo. In altre parole: o sei un gruppo come i Coldplay con una lunghissima carriera alle spalle, o sei una casa di produzione, o sei a un vicolo cieco.
Dead end?

Fortunatamente c’è il secondo modo: pubblicare musica online tramite un distributore. Ce ne sono moltissimi: la lista ufficiale Apple aggiornata al 2017 ne conta ben 51.

Caricare le canzoni attraverso un aggregatore


Mettere musica su iTunes tramite gli aggregatori musicali è semplice e veloce, perché puoi caricare i tuoi brani una sola volta e averli in automatico su tutti gli store digitali collegati.

Gli aggregatori più conosciuti sono DistroKid, CD Baby, TuneCore e, per l’Italia, Zimbalam o iMusician. Tutti hanno un’interfaccia semplice da usare: in 10 minuti o poco più sei pronto per pubblicare.

Al di là della facilità, è bene capire cosa offrono e, soprattutto, quanto costa.

Quanto costa vendere musica su iTunes?


Escludendo il caso della vendita diretta, il costo per avere i tuoi brani sullo store di Cupertino e gli altri varia in base alla scelta dell’aggregatore.
Per aiutarti, abbiamo raccolto in una tabella i principali aggregatori approvati da Apple, con tutti i dettagli sul loro servizio. Ci sono tre tipi di pricing per la vendita di musica online:

1. Un costo fisso (annuale o mensile) senza commissioni sulle vendite; è il caso ad esempio di TuneCore o SongCast.

2. Una percentuale sulle vendite, senza altri costi, come fa Wondermark - questa casistica è più rara e solitamente ha limitazioni.

3. Entrambe le cose: costi fissi + una percentuale sulle vendite; è il caso, ad esempio, di DistroKid o CD Baby.

Ragiona su quanto materiale intendi vendere online - come fa l’artista folk Helen Austin - e scegli il distributore musicale che fa per te.

Altre domande da porti sono:

  • Quanti e quali sono gli store digitali partner? Guarda al numero ma anche al tipo di store: se ti occupi di musica elettronica, Beatport è un must.

  • Quando ricevi i guadagni? Qui c’è chi li versa una volta al mese, chi li mette sempre a disposizione.

  • Che tipo di reportistica hai? C’è chi fornisce report mensili, chi dà report ogni giorno o ogni settimana.

Dai un’occhiata alle FAQ o Support page dei siti o scrivi una email al Customer Service: serve anche per testare i tempi di risposta e capire che tipo di supporto aspettarti. Con queste informazioni sei in grado di scegliere l’aggregatore. Non hai ancora finito.

Come vendere musica online?
Inizia dal tuo sito


“Ho capito come vendere la mia musica su iTunes. E adesso?”. Avere i propri brani su uno store online è solo il primo passo di una promozione discografica. Anzi, l’ultimo, perché la vendita della tua musica online deve partire dal tuo sito e-commerce.

Lo sai ma pensi che avere un sito sia troppo complicato; un po’ speri che, se carichi i tuoi brani su iTunes, si venderanno da soli.

Ma ricorda che iTunes e gli altri sono store digitali: permettono alle persone di ascoltarti, non si occupano di promuoverti. Inoltre, su queste piattaforme musicali sei un ospite: se decidessero di andare offline dall’oggi al domani, non potresti farci nulla. Infine, col tuo e-commerce hai il controllo di tutto il processo e mantieni il 100% dei ricavi.

Anche un sito one-page dalla grafica accattivante può svolgere in maniera eccellente il compito: basta scegliere il template adatto alla tua musica e progettare i contenuti per presentarti al meglio.
Questo è il template per me! Voglio saperne di più: http://wsx5.net/3Sounds-Template
Un e-commerce musicale come si deve conterrà queste sezioni.

  • La tua biografia. Chi sei, cosa fai, dove vivi?

  • La tua musica. Se vuoi mostrare la tecnica e il cuore, la passione e la bravura, questa è la sezione per farlo.

  • Il calendario degli eventi. Per dire sempre dove suoni e quando.

  • Contatti. Per chi ti vuole scrivere o chiamare.

  • Store. La parte dove acquistare i tuoi brani. Curala con la massima attenzione e prendi spunto dai migliori e-commerce. Qualche consiglio?

Scegli i pezzi migliori e permetti l’ascolto gratuito.
Cura le immagini, inserisci sempre qualche riga di spiegazione, definisci il genere.
Cura l’usabilità della pagina: ascoltare le canzoni, salvarle nel carrello e acquistarle deve essere immediato e semplice.

Promozione band emergenti su social e siti: come farla?


Ricordi cosa dicevamo all’inizio? La musica è come l’acqua, se sta ferma muore.
Hai tutti gli elementi per far circolare la tua musica: un sito web fatto come si deve, un account su tutti i principali store… Cosa manca? La promozione musicale su social e siti specializzati. Qui servono un po’ di creatività e di pianificazione.

Immagina di aver pronto un brano: è il momento di farlo uscire dalla sala prove al mondo intero. Ecco un esempio di strategia in 5 fasi.

  • Definisci quando sarà pronto il brano e segna la data sul calendario.

  • Decidi quando lanciare il brano; per scegliere, fai un paio di ricerche su siti come FIMI e FISP, ricchi di informazioni e statistiche sul panorama musicale italiano e internazionale.

  • Coinvolgi i tuoi fan, mostra il dietro le quinte del tuo lavoro creativo: usa Instagram Stories per far vedere il backstage o per creare aspettativa per il pre-lancio del tuo prossimo brano , oppure carica le tue clip su YouTube. Vuoi fare di più? È il momento del guerrilla marketing: esci dal tuo studio, incontra la gente e regala delle chiavette USB con il tuo brano in anteprima. Sii originale e spiritoso e il risultato è garantito.

  • Programma la scaletta dei tuoi live show e chiedi agli organizzatori o ai gestori dei locali se è possibile organizzare qualche intervista.

  • Analizza, rifletti e ricomincia. Guarda le statistiche del sito e i report dei vari store online; su quali canali vendi di più e a che ora? I tuoi fan sono uomini o donne? Quanti anni hanno? Potresti trovare risposte sorprendenti, che ti suggeriranno come ottimizzare tutto quello che hai fatto finora.
Conclusioni

Ora sai esattamente cosa devi fare, e come, per iniziare a vendere i tuoi brani su iTunes, dal tuo sito web e online. Non devi fare tutto subito, l’importante è rendere più facile, per chi già ti conosce e ti apprezza, comprare le tue canzoni, e rendere più facile, per chi ancora non ti conosce, lo scoprirti e il ricordarti. In bocca al lupo!
Scarica l'articolo in pdf con la tabella degli aggregatori iTunes aggiornata

Resta aggiornato
Copyright © 2017 Incomedia s.r.l. Tutti i diritti riservati. P.IVA IT07514640015. Condizioni d'uso, Utilizzo dei Cookie e Privacy Policy Incomedia.
Torna ai contenuti