• IT
  • DE
  • EN
Vai ai contenuti

Sito in costruzione: come e perché creare una pagina “coming soon”

WebSite Blog
Pubblicato da in Guide e consigli · 29 Gennaio 2020
Molti credono di dover aspettare che il sito web sia online per poter iniziare a promuoverlo. Sbagliato! Non fare anche tu questo errore: perderesti solo tempo inutilmente.

Se ci pensi, è facile da capire. Se inizi subito a comunicare che prossimamente sarà online il sito web del tuo nuovo negozio, dell’evento che stai organizzando o della tua startup, prepari il terreno generando interesse e attesa e, quando finalmente il tuo sito sarà live, avrà già un pubblico pronto ad accoglierlo.   

Quello che ti serve nel frattempo - dal momento in cui dici a tutti che ci sarà un nuovo sito, a quello in cui il sito sarà effettivamente online - è una pagina coming soon.

Ma attenzione! Non deve trattarsi di una scialba paginetta con un’anonima scritta “coming soon” nel mezzo: fatta così servirebbe veramente a poco.

Continua a leggere e scoprirai:
  • Perché hai bisogno di una pagina per comunicare che il tuo sito è in costruzione.
  • Quali sono gli elementi essenziali di una pagina coming soon perfetta.
  • Alcuni strumenti per creare la pagina coming soon per il tuo sito.

Il tutto condito da esempi pratici che ti aiuteranno a capire immediatamente di cosa si parla.

Perché hai bisogno di una pagina coming soon

Il primo motivo per cui è importante che tu abbia una pagina coming soon lo abbiamo già detto: ti permette di iniziare subito a promuovere il tuo sito web, senza dover aspettare che sia fatto e finito, già pubblicato online.

Attraverso la pagina coming soon puoi iniziare, infatti, a dare informazioni su ciò che proporrai: puoi, per esempio, svelare in che ambito opererà il tuo e-commerce, quali argomenti tratterai nel tuo blog o di cosa si occuperà la tua startup.

Oltre a questo, nella tua pagina coming soon puoi inserire una form per l’iscrizione alla newsletter: uno strumento prezioso per raccogliere iscritti e costruirti un audience.

Anche lato SEO, la pagina coming soon può darti un vantaggio: ti permette di indicizzare il dominio senza dover attendere la pubblicazione del sito.

Insomma, con una pagina coming soon ben fatta stimoli la curiosità e generi attesa nei visitatori che così saranno portati a tornare. In questo modo prepari il terreno per un lancio in grande stile: quando il tuo sito web sarà pronto non passerà inosservato ma avrà già un pubblico pronto ad accoglierlo e tu inizierai subito a raccogliere i primi risultati.

Ma cosa ci vuole per creare una pagina coming soon che converte? Scopriamolo insieme.  

Quali sono gli elementi essenziali di una pagina coming soon perfetta

La tua pagina coming soon deve essere capace di stuzzicare la curiosità di chi la vede, generare aspettativa e spingere le persone a tornare sul sito quando sarà pronto.

Ecco, quindi, cosa non deve mancare nella tua pagina coming soon.

Logo

Con la pagina coming soon ti stai ufficialmente presentando al mondo: inizia, quindi, con il dire chi sei. Se ancora non ne hai uno, è ora di sviluppare un logo.

Come abbiamo spiegato anche nell’articolo Logo efficace: come progettarlo ti conviene scegliere un logo semplice e originale, capace di rappresentare la tua attività e di adattarsi ai diversi contesti in cui potrà essere inserito. Il logo aiuterà le persone ad associare il tuo nome a un’immagine e, di conseguenza, a ricordarti più facilmente. Il logo è un elemento fondamentale per costruire la tua brand awareness e iniziare a diffondere il tuo marchio, quindi sviluppalo con cura.

#impariamo con un esempio

Nella pagina coming soon di Typetalk il logo non solo è presente ma assume un ruolo di primo di piano, affermando con decisione di cosa si sta parlando. Poi segue tutto il resto: descrizione, form e contatti.


Presentazione

Oltre al logo devi prevedere una breve presentazione della tua azienda, del tuo prodotto o del tuo blog. Difficilmente una persona tornerà se non avrà capito cosa offri.

Cerca di essere chiaro. Dal tuo testo deve emergere:
  • a cosa serve il tuo sito web;
  • perchè è una risorsa utile;
  • a quali bisogni risponde.

Ma soprattutto cerca di essere conciso: non dilungarti oltre i 2 paragrafi e non svelare troppo, altrimenti le persone avranno un motivo in meno per tornare.

#impariamo con un esempio

Phloem fa un ottimo lavoro e descrive in maniera chiara e sintetica che cos’è, cosa offre e qual è il suo valore aggiunto. Dritto al punto, senza troppi giri di parole.


Modulo di iscrizione

Anche se la tua pagina coming soon è brillante, il rischio che le persone si dimentichino di te e del tuo sito è sempre dietro la porta. Per questo dovresti prevedere un modulo di iscrizione: in questo modo potrai ricontattarle tu quando il sito sarà finito.

Non solo: grazie a questo importante strumento puoi iniziare a capire quanti sono realmente interessati a ciò che offri e puoi mantenere alta la loro attenzione inviandogli aggiornamenti e contenuti interessanti, invitandoli a eventi esclusivi o offrendogli coupon sconto per il primo acquisto.

Due consigli per creare un form di iscrizione efficace:
  1. riduci al minimo i campi da compilare: nella maggior parte dei casi, il nome utente e l’indirizzo e-mail sono più che sufficienti. Le persone odiano perdere tempo.
  2. scrivi una call to action chiara e diretta, meglio se capace di far emergere i benefici che derivano dall’iscrizione.

#impariamo con un esempio

Nella sua pagina coming soon, Fixers usa una form di iscrizione che ha un unico campo e una CTA particolarmente azzeccata. Al posto del solito “Sign up” propone, infatti, un accattivante “Take me away” che promette qualcosa di ben più allettante: "la vacanza che non avresti mai pensato di poter avere".


Conto alla rovescia

Il conto alla rovescia è uno strumento formidabile per informare quanto tempo manca al lancio del tuo progetto ma anche per generare quel senso di attesa e di urgenza capace di stimolare le persone a tornare.

D’altro canto, il conto alla rovescia può rivelarsi un’arma a doppio taglio: se comunichi una data, infatti, la dovrai rispettare altrimenti deluderai le attese del tuo pubblico partendo subito con il piede sbagliato.  

Se non sei sicuro al 100% di poter rispettare una data, quindi, evita il countdown o perlomeno impostalo sul mese o sull’anno in modo da mantenere un lasso di tempo più ampio e non correre il rischio di mancare l’obiettivo prefissato per il lancio.

#impariamo con un esempio

Nella sua pagina coming soon Revista non ha paura di sbilanciarsi e usa il countdown come elemento centrale su cui far catalizzare l’attenzione.



L’approccio adottato per il blog CleverDever Wherever, invece, è più morbido: non un countdown ma un’indicazione temporale più generica. Cambia il senso di urgenza ma la comunicazione rimane ugualmente efficace.


Contatti e profili Social

Considera la tua pagina coming soon come un biglietto da visita che lasci alla gente perché torni a trovarti. È essenziale che in questa pagina siano presenti tutte le informazioni necessarie per contattarti: e-mail, indirizzo, numero di telefono. In questo modo apparirai disponibile e professionale oltre a permettere a chi lo desidera di contattarti per avere informazioni.

Non tralasciare di collegare i tuoi principali profili social: anche questi possono diventare dei canali importanto per mantenere aggiornate le persone sullo stato di avanzamento del tuo progetto e non far calare mai il loro livello di attenzione nei tuoi confronti.

#impariamo con un esempio

Blackpacker Travel punta su Facebook e Twitter e lo fa mettendone ben in evidenza i pulsanti. Non devi attivare tutti i social possibili: scegli quelli che intercettano meglio il pubblico a cui ti rivolgi e curali con attenzione. Meglio pochi canali ben presidiati che tanti lasciati al caso.


... non dimentichiamo la grafica

Non è un vero e proprio elemento della pagina ma anche la grafica, ovviamente, ha un’importanza fondamentale per il successo di una pagina coming soon.

Riguardando gli esempi precedenti o cercando sul web altri esempi di ispirazione, ti accorgerai che nessun elemento è lasciato al caso. La scelta delle foto o delle illustrazioni, della palette dei colori e dei tipi di font utilizzati è sempre funzionale al tipo di comunicazione che si vuole impostare oltre che al genere di emozione che si cerca di suscitare.

Molto spesso, il layout finale della pagina è un sapiente compromesso tra la creatività del grafico e le linee guide dettate dal brand. Perché, alla fine, la pagina coming soon non è altro che l’anticipazione di un sito e mantenere una certa coerenza tra la prima e il secondo è spesso la cosa migliore che si può fare.

Alcuni strumenti per creare la pagina coming soon per il tuo sito

Le pagine coming soon non servono soltanto, come abbiamo visto fino ad ora,  per anticipare un sito web che ancora non è pronto ma anche, nel caso di siti già pubblicati online, per comunicare che una nuova sezione è in costruzione e sarà presto disponibile.

Per aiutarti a fronteggiare tutte queste evenienze abbiamo preparato sei diversi layout per le tue pagine under costruction e li abbiamo raccolti nel bundle Website Tuning Pack. In più, nella guida trovi tutte le istruzioni necessarie per creare la tua prossima pagina coming soon nel migliore dei modi con WebSite X5.

Pronto per metterti all’opera? Metti in moto la fantasia e con un pizzico di fortuna magari la tua pagina coming soon diventerà virale assicurandoti tanta visibilità e pubblicità gratuita.



Torna ai contenuti