• IT
  • DE
  • EN
Vai ai contenuti

Un evergreen insostituibile. 5 ottimi motivi per cui anche tu dovresti fare email marketing.

WebSite Blog
Pubblicato da in Guide e consigli · 30 Aprile 2020
La crescita e la diffusione delle chat e delle app di messaggistica sono sotto gli occhi di tutti. Nonostante ciò, le “vecchie” e bistrattate email continuano a far parte integrante della nostra vita quotidiana e, anzi, giocano un ruolo da protagonista.

Non ne sei convinto? In realtà, i dati parlano chiaro:

  • Il numero globale di account attivi di posta elettronica ammontava a 3,9 miliardi nel 2019 ed è destinato a crescere a 4,48 miliardi nel 2024. (Statista)
  • Il 73% dei millennial preferisce ricevere comunicazioni dalle imprese via email. (Adestra)
  • Il 99% dei consumatori controlla la posta elettronica ogni giorno. (DMA Insights)

Se ancora non ti basta, prova a pensare a ciò che fate tu o i tuoi conoscenti…



Sì, le email sono un ottimo canale di comunicazione e, se hai un’attività e non lo hai ancora fatto, devi assolutamente iniziare a usarle come strumento di marketing.

Vediamo, quindi, 5 ottimi motivi per cui l’e-mail marketing è di vitale importanza per qualsiasi tipo di azienda.

L’email marketing è poco costoso

Tra tutte le attività di marketing che hai a disposizione (SEO, SEM, Social Media, Pay Per Click, Affiliate Marketing, ecc.), l’email marketing offre un vantaggio in più: costa considerevolmente di meno. E in tempi incerti come quelli che stiamo vivendo, non è una cosa da sottovalutare!  

In pratica, il costo principale da sostenere è quello relativo allo strumento utilizzato per l’invio. I servizi dedicati disponibili sul mercato sono veramente tanti e la buona notizia è che in genere tutti offrono un periodo di test gratis o un piano di entrata completamente gratuito. Ovviamente permettono poi di passare a piani superiori, scalabili a seconda delle specifiche esigenze.

Segui il nostro consiglio: non essere frettoloso e scegli con cura la piattaforma da usare per l’invio delle email. Considera che da essa dipendono: la personalizzazione del messaggio, la velocità e certezza di spedizione, la possibilità di monitoraggio dell’andamento e altre funzionalità avanzate come sondaggi e social sharing. Valutando funzioni e costi troverai sicuramente quella più vantaggiosa per il tipo di attività che vuoi fare.

Vuoi un suggerimento in più? Prova Sendinblue: è una delle migliori piattaforme al mondo per la gestione di campagne email e newsletters. È facile e puoi iniziare senza costi.

L’email marketing permette di instaurare un rapporto con i clienti

Ok, mandare delle email è poco costoso ma perché farlo? Questo è il cuore della questione e la risposta è molto semplice: perché ti permette di mantenere informate le persone e di stabilire un rapporto migliore con esse. E questi, a ben vedere, sono i presupposti alla base del successo della tua attività, di qualunque genere essa sia.
Proviamo a capire un po’ meglio cosa significa con qualche esempio.

Ovviamente il punto di partenza è raccogliere gli indirizzi email. Lo puoi fare in diversi modi: chiedendoli personalmente alle persone che entrano nel tuo negozio o nel tuo ristorante, invitandole a registrarsi per ricevere una tessera fedeltà, chiedendo loro di iscriversi compilando una form online per ricevere news.

Una volta che hai una lista di contatti inizia il divertimento perché le azioni che puoi mettere in campo sono veramente molte.

Innanzitutto puoi inviare delle email puramente commerciali per informare su sconti e promozioni in corso. Di certo queste sono importanti perché ti consentono di aumentare il fatturato ma fai attenzione a non limitarti solo a questo: dopo un po’ i tuoi contatti potrebbero stancarsi e disiscriversi. Devi cercare di essere utile, di dare delle informazioni, non solo commerciali, che siano di interesse per le persone a cui ti rivolgi in modo che siano invogliate a continuare a seguirti. Per esempio, se hai un ristorante, potresti non solo promuovere i tuoi menu stagionali ma anche svelare qualche tuo trucco e condividere alcune delle tue ricette, magari quelle più facili e alla portata di tutti. L’obiettivo a cui devi tendere è aumentare il livello di fidelizzare i tuoi clienti: ricorda, infatti, che il costo per acquisire nuovi clienti è in media dalle quattro alle dieci volte maggiore rispetto al costo sostenuto per mantenere clienti già esistenti nel database aziendale.

Man mano che andrai avanti ti accorgerai che le persone amano sentirsi uniche e che le piattaforme di invio ti permettono di targettizzare e personalizzare le email. Più riuscirai a confezionare dei messaggi mirati, migliori saranno i tuoi risultati. Prova, per esempio, con le email di auguri per il compleanno o inventati delle ricorrenze speciali: sono email automatiche che puoi facilmente impostare e che molti dei tuoi clienti apprezzeranno, soprattutto se decidi di coccolarli con un piccolo regalo.

Alla fine dei conti inviare un’email è perfetto per qualsiasi tipo di cliente:
  • per quello insoddisfatto, a cui puoi proporre un breve sondaggio dimostrandogli che ti interessa la sua opinione, vuoi migliorare e ti meriti una seconda occasione;
  • per quello “dormiente” che puoi cercare di risvegliare portandolo a fare un nuovo acquisto magari allettandolo con un’offerta imperdibile;
  • per quello affezionato a cui puoi chiedere di lasciare una recensione, una merce preziosa come l’oro per qualsiasi attività commerciale.

L’email marketing si integra con altri strumenti di marketing

Un’altra qualità dell’email marketing è la versatilità: qualunque sia la campagna che hai in mente, è molto probabile che l’invio di una email al tuo database di contatti ti permetterà di darle uno sprint in più.

Immaginiamo che tu voglia promuovere un evento: se hai un budget da investire puoi sicuramente fare pubblicità su media tradizionali (affissioni, stampa, radio, ecc.) mentre sul web puoi utilizzare i social e cercare collaborazioni con influencer. A tutto questo puoi facilmente integrare una campagna email.

Con una Landing Page dedicata all’evento su cui far convergere il traffico generato dalle diverse azioni, puoi raccogliere gli indirizzi email delle persone interessate a partecipare: a queste puoi mandare una serie di newsletter mirate.

Prima dell’evento, nelle email puoi dare anticipazioni e creare un livello di aspettativa sempre più alto. È un modo efficace per ricordare l’appuntamente e far crescere la voglia di partecipare.

A evento concluso, tramite email puoi condividere i risultati ottenuti, magari raccontare qualcosa del backstage e chiedere un feedback a chi ha partecipato: saranno informazioni preziose per l’organizzazione del prossimo appuntamento.

Se poi il tuo obiettivo è diverso - cercare nuovi clienti, diffondere una campagna promozionale, lanciare un nuovo prodotto/servizio, ecc. - la strategia delineata può rimanere sostanzialmente invariata e l’invio di email sarà sempre un’ottimo strumento da integrare nel mix di azioni da mettere in campo.

L’email marketing è mobile-friendly

Secondo una recente ricerca il 42% di tutte le email vengono aperte da smartphone o da tablet. (Litmus).

Le email, dunque, ci danno una possibilità in più: raggiungere e parlare con i nostri contatti in qualunque posto si trovino e in qualsiasi momento della giornata. Pensa che il circa il 50% degli americani controlla la posta elettronica mentre è a letto e il 42% mentre è in bagno (TechCrunch).

È poi interessante sapere che ben il 69% dei clienti è influenzato da una email prima di portare a termine un acquisto da smartphone (Disruptive Advertising).  

Da tutto questo cosa impariamo? Che le nostre email possono raggiungere i nostri contatti proprio al momento giusto e fornire loro le informazioni che cercano o il motivo giusto per non posticipare un acquisto. Ma ci insegna anche che è fondamentale che le nostre email siano perfette non solo quando vengono aperte da desktop ma anche quando vengono lette da smartphone o tablet.

È una cosa di cui devi tenere conto quando crei la tua newsletter: fortunatamente gli editor mettono disposizione template già ottimizzati o comunque aiutano a comporre email, non solo compatibili con tutti i principali client di posta elettronica, ma anche perfettamente mobile-friendly.

L’email marketing è il “re” del ROI

Se non mastichi tutti gli acronimi che chi si occupa di marketing pare adorare, sappi che ROI sta per “ritorno sugli investimenti” e non è altro che un indice che esprime quanto rende il capitale investito.  

Chiarito questo concetto, sappi anche che per oltre dieci anni, le email si sono confermate come il canale in grado di generare il ROI più elevato rispetto a tutti gli altri strumenti a disposizione.

Si stima, infatti, che per ogni $ 1 speso l’email marketing generi ben $ 44 in termini di ROI (Campaign Monitor).

E questo rende le email 40 volte più efficaci nell’acquisire nuovi clienti rispetto a Facebook o Twitter (McKinsey).

Proprio in considerazione di tutte queste evidenze, tutti i principali marketers includono l’email marketing nel loro marketing mix e prevedono di continuare ad investire su questo strumento anche per il futuro.

In conclusione: perché vale la pena fare email marketing?

Provando a riassumere, rispetto agli altri canali, l’email marketing risulta:

  • veloce: i tempi di preparazione, invio e recepimento sono ridotti, quasi immediati;
  • efficace: permette di raggiungere i contatti in maniera diretta e di aumentarne la fidelizzazione;
  • versatile: si presta ad essere utilizzato in svariati contesti e si integra facilmente con altri strumenti di marketing.
  • conveniente: è poco costoso e consente di ottenere un elevato ritorno sugli investimenti.

A questo punto non ti rimane che metterti all’opera e, se vuoi scoprire tutti i trucchi di questo affascinante universo, non devi fare altro che continuare a seguirci.


Torna ai contenuti